Sicilia, l’Europa taglia i fondi per il patrimonio culturale

1150

Ignazio CorraoL’Europa ha deciso un taglio netto per i fondi destinati al patrimonio culturale della Sicilia, settore strategico per la Sicilie e per l’Italia. Come mai? L’Europa ce l’ha con la cultura? Ce l’ha con la Sicilia? Assolutamente no, questo taglio deriva dal fatto che la Sicilia non ha “speso” i precedenti fondi, o meglio ne ha spesi una parte esigua, quindi la causa sembrerebbe l’immobilità politica e una gestione indecente.

Di quest’avviso è pure l’Eurodeputato del Movimento 5 Stelle che dichiara: “I numeri di spesa raccontano una gestione indecente, scandalosa, in cui in alcuni casi si è arrivati a spendere dopo sette anni solo lo 0,65 dei soldi disponibili. Ad esempio su 70 milioni disponibili, la Sicilia ha speso solo 460 mila euro nel caso dell’obiettivo 3.1.3 volto a Sperimentare e sviluppare azioni volte alla produzione, divulgazione e fruizione delle nuove forme artistiche legate all’arte contemporanea. Nel periodo 2007-2013 l’Asse dedicato al patrimonio culturale si è rivelato uno dei più critici. Una gestione incapace di far fruttare le straordinarie opportunità derivanti dai Fondi UE, ancora un esempio: Su 130 milioni – sottolinea Corrao –  solo 24 erano stati impegnati al 31 dicembre 2014. Ma mentre in Parlamento europeo, cerchiamo di tenere alta l’attenzione della Commissione sulle reali esigenze del territorio siciliano – conclude l’eurodeputato alcamese – chiedo al presidente Crocetta, che fine hanno quei pochi fondi che sono riusciti ad intercettare e quale sarà la strategia della Regione per il prossimo periodo”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“E’ severamente vietato pentirsi”. Retroscena dell’operazione “the witness”.
Articolo successivoGli studenti dell’istituto Pitrè di Castellammare incontrano Vichi De Marchi
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.