La mafia a Marsala non è dormiente

6017

Pipitone Giappone Bonafede AngileriL’ex boss Francesco De Vita prima si pente e poi ritratta. Quattro arresti e un delitto risolto quello di Baldassare Marino.

L’hanno denominata “The Witness” (il testimone) l’operazione antimafia che nella notte è stata condotta a Marsala ed ha portato allo scompaginamento del vertice della cosca mafiosa locale. Quattro gli arresti messi a segno dai carabinieri del Ros e del nucleo investigativo del comando provinciale. A finire in manette sono stati l’anziano reggente e pluripregiudicato per mafia Nino Bonafede, classe ’35, il cassiere e suo braccio destro, l’incensurato pastore Vincenzo Giappone, 54 anni, e ancora un’altra vecchia conoscenza delle forze dell’ordine, Martino Pipitone, 66 anni, che secondo le indagini si occupava di tenere sotto controllo gli affari che la mafia coltivava nel centro storico di Marsala, nonché Sebastiano Angileri, anche lui incensurato, 48 anni, la cui moglie gestiva una società di fatto controllata dal marito e da Pipitone. Gli introiti venivano gestiti in modo tale da farli giungere alle famiglie dei boss detenuti e tra quelle maggiormente sostenute è risultata essere la famiglia dell’ergastolano Giacomo Amato.

Ruoli e compiti che ai carabinieri ed ai magistrati sono stati indicati dall’ex reggente della famiglia di Marsala, Francesco De Vita, boss che però poi ha deciso di ritrattare. I carabinieri sono riusciti a intercettare e filmare diversi summit di mafia e addirittura i momenti in cui avveniva la spartizione del “malloppo”, così gli arrestati indicavano il denaro da dividere. Oltre alla gestione di società nel campo del commercio del ferro e della vendita di calcestruzzo, la cosca mafiosa finita in cella si preoccupava di recuperare la refurtiva di furti non autorizzati e di intimidire quei commercianti intenzionati ad aprire esercizi commerciali che avrebbero fatto concorrenza a negozi “protetti”. Tra gli elementi emersi quello che il pastaore Baldassare Marino, soprannominato occhi caddusi, ucciso nell’agosto del 2013 in contrada Samperi a Marsala, era un appartenente al sodalizio mafioso. Le indagini, dirette dal Procuratore Aggiunto della D.D.A. di Palermo, Teresa PRINCIPATO, e coordinate dal sostituto procuratore Carlo MARZELLA, hanno accertato l’attuale vitalità e operatività della famiglia mafiosa marsalese. A firmare l’ordinanza di arresto il gip del Tribunale di Palermo, Marina Pino.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAdorazione, Un incontro che cambia la vita
Articolo successivoT.H Alcamo un punto importante
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.