Consegnata area per la realizzazione del PIF a Trapani

851

Giuseppe GuccioneTRAPANI. Ieri, presso gli uffici della capitaneria di porto di Trapani, il capitano di vascello Giuseppe Guccione, ha consegnato all’ufficio veterinario di Palermo del Ministero della Salute dell’area demaniale marittima presso la banchina Isolella del porto di Trapani per la realizzazione del nuovo P.I.F. (Posto di ispezione frontaliera), organo di controllo e vigilanza sui prodotti di origine animale provenienti da paesi terzi.

La sottoscrizione del verbale di consegna costituisce l’atto conclusivo di un procedimento amministrativo particolarmente complesso, avviato a seguito delle prescrizioni imposte dagli ispettori comunitari, il cui mancato rispetto nei termini fissati, avrebbe comportato la chiusura del preesistente P.I.F. con la conseguente perdita per il porto di Trapani del traffico commerciale internazionale del tonno effettuati con navi container e più in generale di prodotto di origine animale provenienti dal nord Africa, nonché l’onere per gli imprenditori trapanesi del settore di dover sostenere ingenti costi per la movimentazione  dei containers da porti ove il P.I.F. è operativo.

“Il provvedimento siglato oggi, – si legge nella nota – è il frutto della sinergia e della comunione di intenti tra pubbliche istituzioni e privati. La struttura che ospiterà il P.I.F. infatti è stata realizzata dagli imprenditori del settore e dagli operatori portuali e affidato in comodato d’uso gratuito al Ministero della Salute”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSi conclude l’evento “Nuovi Italiani”
Articolo successivoMobility Manager e viabilità centro storico, scontro in consiglio comunale ad Alcamo
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.