Chiesta la condanna al carcere per la sorella di Matteo Messina Denaro e il nipote

1752

patrizia messina denaroMARSALA. Sono state avanzate le richieste di condanna per i cinque imputati al processo presso il Tribunale di Marsala che prende spunto dall’operazione antimafia denominata “Eden”. A richiedere le condanne sono stati i PM della Ddda Carlo Marzella e Paolo Guido. Durante l’operazione antimafia sono finiti sotto processo oltre alla sorella del superlatitante, Anna Patrizia Messina Denaro,  il nipote del Boss Francesco Guttadauro, Antonino Lo Sciuto, Vincenzo Torino e Girolama La Cascia.

La sorella del Boss Patrizia Denaro, Francesco Guttadauro e Vincenzo Lo Sciuto sono tutti accusati di associazione mafiosa. Per Vincenzo Torino grava invece l’accusa di aver avuto intestato fittiziamente dei beni, mentre per Girolama La Cascia il capo d’imputazione è di favoreggiamento per aver reso false dichiarazioni al pubblico ministero.

Le richieste dei pubblici ministeri sono di condanna a 18 anni di reclusione per Guttadauro, 16 per Anna Patrizia Messina Denaro, 13 anni per Antonino Lo Sciuto, per Torino invece la richiesta è di tre anni e quattro mesi e La Cascia ad un anno

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRaccolta differenziata ad Alcamo pari al 45 %. Cusumano anticipa alcune modifiche nell’ambito Osservatorio Rifiuti Zero.
Articolo successivoPiacevole incontro tra Giudecca e S. Francesco di Paola, finisce a favore dei primi, ma gli alcamesi hanno giocato bene
Marcello Contento
Marcello Contento nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.