Arrestato per rapina un pregiudicato di Marsala

1924

angelo malteseMARSALA. È stato arrestato martedì scorso dagli agenti del commissariato di Marsala Angelo Maltese per rapina.

Intorno alle 19 di martedì, su segnalazione di una donna, una libera professionista marsalese, il personale della Sezione investigativa e della squadra volanti è intervenuto in via Finocchiaro Aprile. La donna ha riferito poco prima, mentre si trovava a bordo della sua autovettura in via Mario Nuccio, angolo con via Finocchiaro Aprile, che un uomo, aprendo la portiere posteriore della sua auto, le ha sottratto la borsa dandosi alla fuga a piedi.

L’uomo raggiunto dalla donna proprio in via Finocchiaro Aprile, ha tentato di nascondersi dietro le auto in sosta. Dopo una colluttazione, l’uomo ha abbandonato la borsa per terra sottraendo la somma di 150€ che si trovava all’interno della borsa, dandosi nuovamente alla fuga facendo perdere le sue tracce.

Dalla descrizione fatta dalla vittima e da quanto riferito da una testimone, i poliziotti sono riusciti a identificare il malvivente in Angelo Maltese, persona conosciuta alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti. Giunti presso l’ abitazione dell’uomo, gli agenti hanno trovato conferma nella descrizione fatta dalla donna; l’abbigliamento soprattutto corrispondeva alla descrizione. Dopo ulteriori accertamenti, l’uomo in evidente stato di agitazione, è stato così tratto in arresto. Dopo aver esperito gli adempimenti di rito, lo stesso è stato posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOggi il primo giorno degli studenti del liceo “Vito Fazio Allmayer” presso la redazione di Alqamah.it
Articolo successivoValentina Palmeri propone un tavolo di confronto sull’ospedale di Alcamo
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.