Operazione antidroga nella kasbah a Mazara del Vallo: due arresti

2735

arresti mazara 2MAZARA DEL VALLO. Sabato scorso i poliziotti della Sezioni Investigativa ed Immigrazione del commissariato di Mazara del Vallo hanno tratto in arresto in flagranza di reato GHEDIRA Rami, 24 anni, e BEN HADJ AMOR Karim, 29 anni, entrambi cittadini tunisini residenti a Mazara del Vallo per i reati di ricettazione possesso a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare gli agenti, nel corso di una pianificata operazione di polizia volta alla prevenzione e repressione dei reati in materia di sostanze stupefacenti, alle ore 18,00 circa, hanno sottoposto a controllo i due soggetti che indugiavano con fare sospetto in piazzetta Bagno. La perlustrazione dell’ambiente immediatamente circostante ha consentito il rinvenimento, a pochi metri dai due soggetti, di tre diversi invarresti mazara 3olucri contenenti oltre dieci dosi di sostanza stupefacente del tipo hashish e cocaina. A questo punto i soggetti sono stati sottoposti a perquisizione personale, estesa anche agli immobili di cui hanno mostrato di avere la disponibilità.

Tale attività di polizia giudiziaria ha dato esito positivo in quanto sono stati rinvenuti: altre 50 dosi di sostanza stupefacente del tipo hashish e cocaina, già confezionate per il successivo spaccio; un bilancino di precisione e numerosi oggetti destinati al confezionamento di dosi di sostanza stupefacente; della refurtiva, tra cui una bicicletta da corsa del valore di circa 4.000 euro.

I due soggetti sono stati conseguentemente arrestati in flagranza e sono in attesa della convalida dell’arresto e del giudizio direttissimo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSventato furto alla cantina “Saturnia”, quattro giovani in manette
Articolo successivoL’ASD Alqamah vince contro un ottimo Valderice e riconquista la vetta
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.