Movida alcamese, non si fermano i controlli nei locali pubblici

2389

polizia alcamoALCAMO. Non si fermano i controlli amministrativi degli agenti del Commissariato di Alcamo.

Sabato sera è stato infatti predisposto un apposito servizio straordinario che ha visto il coinvolgimento di due pattuglie del Commissariato con la collaborazione del locale Comando di Polizia Municipale.

Questa volta nel mirino dei controlli tre esercizi pubblici che offrono occasioni di svago ai giovani nel fine settimana; nello specifico i controlli hanno riguardato il rispetto della normativa nazionale sulla vendita e somministrazione di sostanze alcoliche (D.L. 117 del 2007).

Il riferimento è in primo luogo alla esposizione della tabella riportante la descrizione dei sintomi connessi all’assunzione di bevande alcoliche nonché alla predisposizione di apparecchio rilevatore del tasso alcolemico. Non meno importante il controllo sul possesso della licenza fiscale (prevista dal D.lgs. 504/1995) per la vendita dei prodotti alcolici.

All’esito dei controlli non sono state rilevate violazioni a tali normative, mentre ad un locale è stato contestato il mancato pagamento del suolo pubblico. L’attività svolta ha fatto registrare un inequivocabile segno positivo in ordine alla buona riuscita della campagna di prevenzione dell’abuso di sostanze alcoliche avviata dal Commissariato.

Inoltre nella notte di sabato scorso gli uomini del Commissariato sono intervenuti per una segnalazione di musica ad alto volume nel centro cittadino. Responsabile delle emissioni sonore un esercizio pubblico la cui posizione verrà adesso attentamente vagliata per appurare eventuale violazioni dell’ordinanza sindacale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLatina beffa il Trapani e vince 1-0 al Francioni
Articolo successivoMaltempo, località isolate nel trapanese, interrogazione all’Ars di Valentina Palmeri
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.