Le malefatte della direttrice e del bidello dell’istituto Rubino di Marsala: severe condanne pronunciate dal Tribunale di Marsala

1953

violenza1Dovevano essere ore di dopo scuola e invece erano ore di vero e proprio incubo. Una ragazzina non era nemmeno quattordicenne, era il 2004, quando cominciò a subire dapprima attenzioni morbose poi vere e proprie violenze, nella stanza della direttrice dell’istituto Rubino di Marsala. Una struttura che funzionava proprio per dare assistenza a giovani provenienti da contesti sociali disagiati. La direttrice dell’istituto, Giuseppa Signorelli, 52 anni, e Vincenzo Galfano, 50 anni, che faceva da bidello nella scuola, sono stati rispettivamente condannati dal Tribunale di Marsala a 10 e a 9 anni. Per tutti e due i giudici hanno pronunciato l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Dovranno inoltre risarcire la scuola e la vittima dei loro abusi. In pieno i giudici del Tribunale di Marsala hanno accolto le richieste del pm Sabrina Carmazzi. Le indagini che nel 2012 sfociarono nell’arresto dei due, furono condotte dalla Squadra Mobile di Trapani. Del caso si occupò il pool investigativo specializzato ad occuparsi delle violenze su minori, diretto dal capo della Mobile, Giovanni Leuci. La ragazzina veniva solitamente invitata nella stanza della direttrice e in quell’ambiente hanno accertato i giudici (collegio presidente Gulotta) dapprima ha subito attenzioni morbose e poi vere e proprie violenze, atti sessuali compiuti dalla direttrice quando dal bidello.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteEntrava a casa delle sue vittime spacciandosi per una dipendente Enel: arrestata
Articolo successivoVoto di scambio ad Alcamo: i legali chiedono il rito abbreviato a condizione di sentire alcuni testimoni
Rino Giacalone
Rino Giacalone, direttore responsabile e cronista di periferia. Vive nel capoluogo trapanese sin dalla sua nascita. Penna instancabile al servizio del territorio e alla ricerca della verità.