Massimo Ferrara guiderà il PD alcamese in questa fase transitoria

1732

massimo ferraraALCAMO. Sarà l’ex Sindaco di Alcamo, Massimo Ferrara, a guidare il PD alcamese per il nuovo tesseramento del 2015 e l’Assemblea di Circolo. Prima di iniziare il nuovo corso il PD alcamese ha voluto un arbitro imparziale che creasse le condizioni per la nascita di un nuovo centrosinistra ad Alcamo.

La notizia è arrivata ieri sera, attraverso una nota stampa, che ha affidato la responsabilità del Partito a Massimo Ferrara nell’avviare un nuovo percorso di  rilancio e di rinnovamento nell’ottica di una ritrovata comunità d’intenti.

Il nuovo assetto del PD – si legge nel comunicato del partito – è nato con il preciso scopo di riorganizzare il partito,  di ascoltare e di dialogare con la città, per ricostruire una credibile proposta  politica e per approdare, infine, al tesseramento 2015 e all’Assemblea di Circolo. Massimo Ferrara è stato il primo a innescare il processo di progresso  e partecipazione popolare già dal 1993 ed oggi può portare quei valori di mediazione, saggezza e programmazione politica all’interno del Partito Democratico attraverso  la buona prassi amministrativa con proposte chiare e realistiche, coinvolgendo i  movimenti civici e le associazioni ambientaliste presenti sul territorio che devono trovare nel PD una casa trasparente dove lavorare insieme per la città.

Ferrara – concludono nella nota stampa – porterà nuova linfa al Circolo PD di Alcamo che è pronto ad aprire una nuova stagione puntando su valori, idee e progetti politici di ampio respiro, coinvolgendo  la cittadinanza ad occuparsi della vita e del futuro della nostra comunità.

Un compito non facile quello del nuovo segretario alcamese che dovrà fare i conti con almeno due forze all’interno del PD, quella degli ex Papania e quella che vuole rompere con il passato. In ogni caso Ferrara metterà tutta la sua esperienza per trovare una sintesi al nuovo corso politico del PD alcamese.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedente“W la cultura. Insieme per i libri” una giornata alla scoperta delle case editrici ad Alcamo
Articolo successivoIn attesa del verdetto FAI sul Castello di Calatubo. Grimaudo: “incrociamo le dita”