Nuove perizie sulle intercettazioni del caso Denise Pipitone

2109

denise pipitoneMAZARA DEL VALLO. Disposta una nuova perizia sull’ intercettazione della conversazione avvenuta  tra Alice Pulizzi e la sorella Jessica dalla quale emergeva il coinvolgimento della madre delle due ragazze, Anna Corona, nel sequestro e nell’ uccisione di Denise Pipitone, la bimba scomparsa da Mazara del Vallo il 1 settembre del 2004.

A disporre ciò la  Corte d’appello di Palermo, presieduta da Raimondo Lo Forti. Ricordiamo che Jessica Pulizzi è sottoposta a processo d’appello, dopo un’assoluzione in primo grado con l’ accusa di sequestro di persona, la ragazza è sorellastra della piccola Denise per parte di Padre. L’intercettazione, riemersa dopo anni di indagini,  è stata  prodotta dalla difesa di parte civile della madre di Denise, Piera Maggio. Nella conversazione, Alice dice a Jessica che a uccidere la bambina sarebbe stata la madre, Anna Corona. “La conversazione è molto disturbata”  obietta la difesa della Pulizzi “non è assolutamente utilizzabile”.

Sul banco dei testi, davanti alla Corte d’appello, Alice Pulizzi, dal canto suo,   ha fortemente  negato di avere mai accusato la madre.Visti questi sviluppi e le obiezioni sollevate  i giudici hanno disposto che venga riascoltata e trascritta da un collegio di periti. La Procura di Marsala intanto, alla luce dell’ intercettazione prodotta, ha aperto un’inchiesta, stavolta non più per sequestro di persona, ma per omicidio. L’udienza è stata rinviata al prossimo 30 gennaio prossimo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSerie B, il Trapani Calcio ricomincia dal Provinciale. Ospite in sicilia il Pescara di Baroni
Articolo successivo“Il linguaggio della natura” la mostra al Marconi fino al 23 gennaio