Confiscati i beni del marsalese Antonino Bonafede vicino al boss Matteo Messina Denaro

1392

matteo-messina-denaroIl patrimonio del marsalese, Antonino Bonafede, stimato per un valore di oltre 4 milioni, passarà direttamente nelle mani dello stato, a seguito di un provvedimento di confisca emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Trapani. La decisione è  arrivata al termine degli accertamenti del Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di finanza di Palermo.

Il marsalese Bonafede, di anni 80, è finito in manette nel 2010 a seguito dell’operazione che tagliava i ponti ai fiancheggiatori di Matteo Messina Denaro. Nel 2012 gli sono stati sequestrati appartamenti e terreni. Nel mirino del sequestro c’era anche un allevamento di ovini intestato alla moglie Vincenza Centonze.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteWebgis operativo: cartografia disponibile grautitamente
Articolo successivoCaravà, per l’ex sindaco chiesta condanna
Marcello Contento
Marcello Contento, nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.