Discariche abusive a Castellammare: veleni a pochi passi da terreni, vigneti e uliveti

1457

DSCN2308CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Si torna a parlare di discariche abusive a Castellammare. Argomento “caldo” che nell’ultimo periodo ha sollevato qualche polemica e una presa di posizione forte da parte dell’amministrazione comunale guidata dal Sindaco Coppola. Infatti lo scorso ottobre lo stesso Coppola annunciò la videosorveglianza per le aree a rischio deposito rifiuti.
Dopo Contrada Conza (finalmente bonificata dalle forze dell’ordine e sotto costante osservazione), è arrivato il turno della mega discarica a cielo aperto di Contrada Ponte Bagni, alla periferia del paese. Una discarica presente ormai da anni, in una periferia dimenticata da tutti. Il tratto interessato è quello sotto il ponte dell’autostrada A29 Palermo-Trapani, nella strada provinciale che conduce fino al monte Inici. Oltre alla strada principale, in cui sono evidenti rifiuti di ogni genere rigorosamente bruciati per fare spazio a nuovi rifiuti, la segnalazione che ci è arrivata riguarda la strada parallela: una stradina sterrata (composta principalmente da scarti edili) che porta a terreni e case di privati cittadini. “Da anni ormai la situazione è sempre la stessa, – sottoline un cittadino residente nelle vicinanze – vengono a scaricare di tutto, spesso la strada non è praticabile per la presenza di rifiuti ingombranti, impedendo così l’accesso ai terreni e alle case”.

Non si capisce se la raccolta avvenga in modo regolare in questa zona ma sta di fatto che, anche se a pochi passi dalla sede dell’Agesp, alcuni cittadini incivili e sanza scrupoli uccidono il territorio circostante sversando rifiuti di ogni genere. Carta da parati, carta catramata, pannoloni per anziani integri e ancora nella loro confezione, materiale ospedaliero integro (forse scaduto), bottiglie di vetro, scarti di potatura, scarti edili, plastica bruciata, vestiti vecchi e non può mancare il veleno più famoso e onnipresente: l’amianto. Amianto a fiumi e in tutte le salse, tagliato, bruciato, sparso per tutti i terreni limitrofi.

Spesso la montagna di rifiuti viene incendiata rendendo l’aria irrespirabile; non è raro infatti vedere una nube di fumo nero dall’autostrada. L’aria, ormai perennemente irrespirabile, caratterizza questo posto abbandonato completamente all’inciviltà di alcuni cittadini, che hanno creato, negli anni, una vera e propria discarica di rifiuti bruciati e veleni di ogni genere; il tutto a pochi passi da terreni, vigneti e uliveti.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAlcamo: rientra l’emergenza rifiuti. Pubblicata l’ordinanza per il conferimento nel catanese
Articolo successivoLa storia infinita dell’Ipab di Castellammare del Golfo
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.