Il comune di Alcamo cerca 25 promotori di innovazione sociale

2642

UE-bandieraALCAMO. Per il Programma Italia –Tunisia 2007/ 2013 -Strumento Europeo di Vicinato e Partenariato (ENPI), il Comune di Alcamo, soggetto Beneficiario, in partenariato con ASP di Trapani, Pro Loco Castellammare del Golfo,  Association pour la Promotion de L’Emploi et du Logement A.P.E.L, Union Tunisienne de SolidaritéSociale, ha presentato il Progetto COURAGE – Création d’Opportunités pour Rénover le tissu Associatif localpour les futures Générations Euro-méditerranéennes. Scopo del Progetto è promuovere l’innovazione sociale come processo di creazione di nuova occupazione, di rilancio dell’associazionismo giovanile e di commerciabilità delle migliori idee di contrasto alla povertà e all’emarginazione, tutto questo attraverso percorsi formativi innovativi destinati a giovani siciliani e tunisini. L’avviso pubblicato si trova sul sito www.comune.alcamo.tp.it e  s’intendono selezionare, in ottica di parità di genere, 25 giovani, da coinvolgere in un percorso di formazione imprenditoriale, coaching e di incubazione di impresa/accompagnamento nel settore sociale, per potenziare le competenze possedute e strutturare un pool comune Italia – Tunisia di esperti “Promotori” dell’innovazione sociale. Per  presentare domanda di partecipazione  bisogna essere i giovani cittadini, residenti o domiciliati nella provincia di Trapani, aver compiuto 18 anni alla data di presentazione della domanda e non averne  compiuto 36 alla data di scadenza dell’avviso. Le domande di partecipazione devono essere presentate in busta chiusa contrassegnate dalla  la dicitura: “Incubatore Sociale – Selezione di n° 25 giovani “Promotori di innovazione sociale”, a mezzo pec all’indirizzo: comunedialcamo.protocollo@pec.it;  o spedizione a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno;o ancora  consegna brevi manu al protocollo generale del Comune. Le domande dovranno pervenire al Protocollo Generale del Comune di Alcamo in Piazza Ciullo 1, 91011, entro le ore 13.00 del 31.12.2014. Non saranno prese in considerazione  le istanze pervenute oltre il suddetto termine. Sono da ritenersi ammissibili le idee innovative che abbiano elevate possibilità di tradursi in prodotti, servizio processi che si riconducono, ad uno dei settori: assistenza sociale, assistenza sanitaria, educazione, istruzione e formazione, cultura e turismo sociale, tutela dell’ambiente, agricoltura sociale.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteGrande successo per la manifestazione “Natale al parco”
Articolo successivoAggredito il custode di “Villa Oliva” a Castellammare: fermato diciassettenne