La cuba delle rose: un bene restituito alla cittadinanza

2439

Giovedì la presentazione del libro e l’inaugurazione della mostra fotografica “Impronte d’acqua”

 

Cuba delle RoseALCAMO. Giovedì 18 dicembre presso il Collegio dei Gesuiti alle 17:00 si terrà la presentazione del libro “La cuba delle rose, l’abitato di Calatubo e la gestione delle risorse idriche” e l’inaugurazione della mostra fotografica “Impronte d’acqua”.

Un evento che segue il recente restauro del luogo, sostenuto e finanziato dal Gal “Golfo di Castellammare”. All’evento interverranno il sindaco, Sebastiano Bonventre, e l’assessore ai lavori pubblici, Salvatore Cusumano, sarà presente Pietro Puccio, presidente del Gal. Sul tema del territorio e del medioevo trapanese sotto la coordinazione di Salvatore Cusumano interverranno l’Igegnere Parrino, direttore del Settore Servizi tecnici e manuntentivi, Leonardo d’Asaro, Ferdinando Maurici, Ignazio Longo e Patrizia Minà.

Giuseppe La Colla, presenterà invece i suoi 50 scatti in bianco e nero che saranno in mostra dal 18 al 31 dicembre proprio presso il Collegio. Il fotografo illustrerà concept e contenuti del progetto grafico e dell’allestimento della mostra di cui è autore.
Attraverso le foto si intende restituire il significato e il senso di un luogo storico ma allo stesso tempo quotidiano come può essere un sistema di approvvigionamento idrico. Una mostra che vuole ripercorrere anche la fisionomia del territorio e le sue modificazioni nel corso del tempo.

Asserisce l’ingegnere Parrino, a proposito del ritrovamento di un grande edificio ai piedi del castello:“il restauro della Cuba delle Rose è stato finalizzato a ripristinare la funzione e garantire l’uso dell’impianto, assicurare la conservazione materica del bene per la pubblica fruizione, nonché preservare la memoria della comunità e promuovere lo sviluppo culturale. Le indagini conoscitive preliminari al restauro hanno permesso un corretto inquadramento della struttura fra altri esempi di archeologia rurale che compongono il patrimonio storico, etnoantropologico, architettonico e paesaggistico del territorio di Alcamo. È proprio nelle aspettative della tavola rotonda promuovere il dibattito e dare un impulso decisivo alle iniziative per la tutela e alla valorizzazione del territorio”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl Gal cerca partecipanti per ProWein 2015
Articolo successivoPareggia il Trapani contro il Perugia, amarezza per una vittoria mancata
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.