Quattro arresti tra Castelvetrano e Partanna durante i controlli dei Carabinieri

2705

carabinieri castelvetranoSono stati eseguiti cinque arresti da parte dei Carabinieri della Compagnia di Castelvetrano, agli ordini del Cap. Fabio Ibba. Nello specifico è stato arrestato Massimiliano Valenti, pregiudicato di 25 anni di origini palermitane. Il giovane, sottoposto agli arresti domiciliari, è stato sorpreso nei pressi dell’ufficio postale di Marinella di Selinunte. Nei suoi confronti è scattato l’arresto in flagranza per evasione, a seguito del quale è stato risottoposto agli arresti domiciliari in attesa del giudizio con rito direttissimo. Arrestato anche Vito Titone, pregiudicato castelvetranese di 49 anni,  perché deve espiare la pena residua di otto mesi e otto giorni di reclusione per i reati di furto in abitazione, furto con strappo e lesioni personali aggravate. L’uomo è attualmente detenuto presso la casa circondariale di Trapani.

Mentre a Partanna, i militari della locale Stazione Carabinieri hanno tratto in arresto Francesco Fontana , pregiudicato di 77 anni. L’anziano, che stava espiando agli arresti domiciliari una pena di 9 anni e dieci mesi di reclusione per i reati di tentata estorsione pluriaggravata e concorso esterno in associazione mafiosa, è stato sorpreso fuori dalla sua abitazione e, quindi, tratto in arresto nella flagranza del reato di evasione. A distanza di pochi giorni, Fontana è stato nuovamente arrestato dai carabinieri di Partanna perché nei suoi confronti la Corte d’Appello di Palermo ha emesso un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere in sostituzione di quella agli arresti domiciliari. Fontana è stato rinchiuso nel carcere di Sciacca.

A finire in manette, sempre a Partanna, anche Falcetta Francesco. Pregiudicato partannese di 64 anni, è stato arrestato in esecuzione di un’ordinanza emessa dal Tribunale di Sorveglianza di Palermo, poiché deve espiare la pena residua detentiva di un anno ed un mese di reclusione per i reati di violenza privata e minaccia. Falcetta adesso si trova agli arresti domiciliari.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteI Fenici, la Sicilia e noi. Dalla colonizzazione ai contatti culturali, tra storia e arte.
Articolo successivoIl sindaco Tranchida replica all’articolo di Antognoni