Io sto con la sposa, e tu?

1673

imageSegni nuovi, circolo di cultura cinematografica, ha scelto di concludere l’ultima rassegna dell’anno con il film IO STO CON LA SPOSA, venti minuti di applausi all’ultima mostra di Venezia. Due poeti palestinesi siriani e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque palestinesi e siriani sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra e decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia. Per evitare di essere arrestati come contrabbandieri, decidono di mettere in scena un finto matrimonio coinvolgendo un’amica palestinese, che si fingerà la sposa, e una decina di amici italiani e siriani che comporranno in finto corteo nuziale. Così attraverseranno mezza Europa, in un viaggio lungo quattro giorni e tremila chilometri, rischiando 15 anni di carcere per realizzare il sogno di vivere in Svezia. Il viaggio, carico di emozioni, oltre a raccontare le storie e i sogni dei cinque palestinesi e siriani in fuga e dei loro speciali contrabbandieri, mostra “un’Europa sconosciuta, transnazionale e solidale”, come l’hanno definita gli autori, che riesce a farsi beffa delle leggi e dei controlli con una mascherata che ha dell’incredibile, ma che altro non è che il racconto in presa diretta di una storia realmente accaduta sulla strada da Milano a Stoccolma tra il 14 e il 18 novembre 2013. Il film si propone come manifesto per coloro che credono in un mediterraneo di pace e non di morte e tocca tutti, come chiamata alla responsabilità collettiva.
La proiezione alcamese ha visto come ospite Tasneem Fared, la coraggiosa finta sposa dallo sguardo dolcissimo, tornata in Sicilia per amore. L’evento ha registrato una copiosa partecipazione ed il dibattito, seguito al film, è riuscito altrettanto bene. Hanno preso la parola anche i bambini per poter intervistare Tasneem. “In questo viaggio da Milano a Stoccolma non ho visto frontiere, perché le frontiere veramente non esistono, sono solo nella nostra testa” ha dichiarato l’attivista in uno dei momenti più commoventi. La serata ricca di emozione ha coinvolto proprio tutti, il voto del pubblico è stato pari a 9,05/10.
Segni Nuovi è orgogliosa del successo e vi invita tutti a Cortiamo, concorso internazionale di cortometraggi, presso la stessa sala Giovanni Paolo II, Sabato 13 e Domenica 14 alle ore 19,00, ingresso libero.
Di Milena Vesco

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCaduto albero su monte Bonifato. Strada bloccata e tragedia sfiorata.
Articolo successivoI Fenici, la Sicilia e noi. Dalla colonizzazione ai contatti culturali, tra storia e arte.