Impallinano animali a Castellammare del Golfo a ridosso delle abitazioni

3230

cacciatoriCASTELLAMMARE DEL GOLFO. Albert Einstein pronunciò diverse volte la seguente frase: “due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo l’universo ho ancora dei dubbi”.  Purtroppo queste affermazioni risultano sempre più attuali nella società odierna. Questa volta a dare esatta dimostrazione del teorema einsteiniano è quanto accade in contrada Gagliardetta e Vaccheria a Castellammare Del Golfo.

Durante il week-end, e specialmente nelle ore notturne, alcuni individui armati di fucili sparerebbero addosso ad animali presenti nei paraggi, anche vicino le abitazioni.

Gatto impallinato Castellammare del GolfoA farne le spese questa volta però è stato un gatto (come si può vedere dalle radiografie) che, salvatosi per miracolo, dovrà portarsi dietro il piombo del proiettile per tutta la vita. Il micio è stato immediatamente trasferito presso l’ambulatorio veterinario Città di Alcamo che, dopo le cure necessarie, ne ha avuto salva la vita.

Ma questo non è il primo caso che accade in quell’area. Infatti, altre segnalazioni di spari e di animali impallinati sono pervenute nei giorni scorsi. Il tutto coincide con l’apertura della stagione della caccia iniziata il primo settembre 2014 e che si concluderà il 31 gennaio del 2015.

10728848_302915293237563_574233313_nSebbene tutte le ipotesi condurrebbero ad un gesto compiuto da alcuni cacciatori, alcuni elementi mettono in luce che si tratterebbe di persone poco attente alle regole di caccia che praticano questa attività in maniera avventata e a ridosso delle abitazioni.

Infatti, sia gli orari che la vicinanza degli spari dalle abitazioni, non sembra essere un “modus operandi” degli amanti della caccia. Allora ecco che balza l’ipotesi peggiore: esistono “persone” che possano compiere tali gesti solamente per divertimento? Sebbene questa sia un’ipotesi difficile da dimostrare, di sicuro questi individui vanno fermati in quanto infrangono le regole stabilite per la caccia, mettendo a rischio la sicurezza pubblica.

Le forze dell’ordine sono state già avvertite del caso ed è partita la caccia ai presunti cacciatori. Nel frattempo chiunque possa notare atteggiamenti simili o altri elementi utili a individuare i “pistoleros”, può contribuire ad informare le autorità affinché si intervenga per evitare che ciò possa accadere nuovamente.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl PSI presenta i nuovi dirigenti trapanesi
Articolo successivoMaxi sequestro ad imprenditore legato alla famiglia mafiosa di Mazara del Vallo
Marcello Contento
Marcello Contento, nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.