Castellammare, incentivi per per il recupero del centro storico

1518

presentazione finanzamenti centro storicoCASTELLAMMARE DEL GOLFO. Sono stati presentati ieri mattina in conferenza stampa gli incentivi per il recupero e la valorizzazione del centro storico. Presentati due regolamenti approvati dal consiglio comunale nelle scorse settimane.

“Il Comune di Castellammare del Golfo intende perseguire l’obiettivo di valorizzare il Centro Storico, di razionalizzarne le modalità di fruizione e di favorire il rilancio ed il recupero funzionale del patrimonio edilizio ed intende pertanto promuovere e favorire nuovi insediamenti di attività economiche, di servizi, ecc., concedendo ai soggetti che li realizzano, incentivi a carattere una-tantum e/o pluriennali.”- E’ quanto si legge nel regolameto presentato ieri in conferenza stampa. – “Tali misure hanno lo scopo di restituire, all’interno di detto ambito territoriale, decoro, vivibilità e qualificazione ambientale, conseguendo tra l’altro, l’obiettivo congiunto di tutela e riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, nell’ottica di una riconversione dello stesso a fini economici e turistico-ricettivi.”

Il Sindaco ha spiegato che un regolamento riguarda la possibilità di rimmettere a nuovo le abitazioni private. Il regolamento prevede la possibilità che “un cittadino che ha un’immobile da ristrutturare nel centro storico possa ristrutturarlo chiedendo prestiti in banca sino ad un massimo di 40 mila euro da restituire in cinque anni; gli interessi in questo caso saranno totalmente a carico del Comune.”

“E’ un modo per dire alle persone – spiega il sindaco Nicolò Coppola – di restaurare le catapecchie di loro proprietà del centro storico perché il paese deve cambiare aspetto. Noi stiamo dando il nostro contributo con i restauri alla villa Margherita, al corso Garibaldi, alla via Mattarella e in piazza Madonna delle Grazie.”

Il secondo regolamento invece riguarda gli incentivi rivolti a chi apre un negozio o un’impresa sempre nel centro storico. Chi investirà in questo caso avrà importanti sgravi sulle imposte comunali, quali Tasi, Tari e Imu fino al 60% per cinque anni.

In totale sono stati stanziati 65 mila euro con l’impegno da parte dell’Amministrazione a rimpinguare questa cifra se la risposta della cittadinanza sarà positiva.

Infine il presidente del Consiglio Domenico Bucca spiega gli altri incentivi previsti per chi investe in attività nel centro storico: “Per chi deve effettuare interventi edilizi c’è la possibilità di non pagare il suolo pubblico per un periodo massimo di sei mesi e ottenere altre riduzioni su oneri di urbanizzazione.” Inoltre ci saranno ulteriori agevolazioni per la mobilità sostenibile, quindi chi aprirà attività per il noleggio di biciclette e mezzi elettrici, riceverà in questo caso il totale abbattimento degli interessi bancari di cui se ne farà carico il Comune.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRichiesta di autorizzazione a procedere per l’ex senatore Nino Papania. E’ indagato per corruzione dalla Procura di Palermo
Articolo successivoPapania: “Garanzie costituzionali violate”
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.