Personale precario e mancati pagamenti della Regione Sicilia, questi gli argomenti più scottanti nella visita di Fazio a Calatafimi

1135

Girolamo FazioCALATAFIMI SEGESTA. Un colloquio aperto e ricco di argomenti importanti quello tenutosi ieri mattina fra il deputato regionale Girolamo Fazio e il Sindaco di Calatafimi Segesta, Vito Sciortino. Una visita istituzionale all’interno della quale è stato sostanzialmente possibile affrontare tematiche che agitano la vita amministrativa dei comuni, a cominciare dalla costante e progressiva riduzione dei trasferimenti da parte di Stato e Regione. Durante l’incontro in questione Fazio ha messo a disposizione del sindaco Sciortino la sua esperienza di ex amministratore ed oggi deputato regionale per seguire i rapporti tra il comune di Calatafimi e la Regione Siciliana.

Fra gli argomenti trattati ha avuto spazio anche la delicata questione del personale precario. Una problematica che si è trasformata in una vera e propria emergenza vista la complessità dei percorsi di stabilizzazione.

A tal proposito, Calatafimi, così come altri comuni del trapanese, ha anticipato le quote regionali delle somme necessarie al pagamento degli stipendi di questo personale, anticipando i trasferimenti che la stessa Regione Siciliana aveva garantito. Trasferimenti che di fatto non sono mai giunti nelle casse del Comune di Calatafimi, mettendo a serio rischio gli equilibri del bilancio comunale. Un Fattore, quest’ultimo, che potrebbe comportare uno sforamento del patto di stabilità, nonché un vero e proprio dissesto.

In virtù di tale situazione, Fazio ha accolto l’allarme del Sindaco, garantendo un intervento presso la Regione Siciliana. Intervento che consentirà di verificare l’iter dei trasferimenti e un loro eventuale sollecito, intervenendo, se necessario, anche con un atto ispettivo urgente.

 

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePiromani incendiano gli alberelli piantumati dalla cittadinanza dopo un terribile incendio. I cittadini di Alcamo: “Pronti a ripiantarli”
Articolo successivoCastelvetrano: fine settimana di controlli e denunce da parte dei carabinieri