Dopo sei mesi riapre la chiesa madre di Castelvetrano

1012

cappella_ss_crispinoCASTELVETRANO . Sono passati sei mesi da quando la chiesa madre di Castelvetrano fu chiusa per interventi di manutenzione straordinaria, adesso è stata riaperta. Gli interventi che hanno interessato il soffitto soffitto ligneo dipinto, che era minacciato dalla sconnessione e dalla precaria coibentazione della coperture; i canali di gronda non erano  più recettivi a causa dell’ostruzione costante provocata dai piccioni. Con la revisione degli spazi si è data  sistemazione più adeguata ai luoghi della celebrazione liturgica, secondo i principi di adeguamento voluti dal Concilio Vaticano II e ratificati dalla Cei. Il battistero è stato collocato in una zona  più accessibile.

La  cappella dei Ss. Crispino e Crispiniano detta dei “Calzolai” ha riacquistato funzionalità liturgica: in ausilio al battistero e come cappella delle celebrazioni feriali per piccole assemblee; qui  sono stati rinvenuti, sotto gli intonaci, frammenti di affreschi del Seicento e gli archi in pietra. Nel corso dei lavori è stata rivista la pavimentazione dell’area celebrativa e ricollocato l’ambone ligneo, rinnovato nella sua struttura, in mezzo all’assemblea. Il progetto  odierno prende spunto da un’ indagine accurata fatta alla fine degli anni ‘90 che  fu portata avanti  dall’Ufficio beni culturali della Diocesi di Mazara di Vallo, il cui direttore era don Leo Di Simone, ora arciprete a Castelvetrano.A quel primo intervento risale la bonifica  delle cripte sotto il presbiterio le cui precarie condizioni minavano la staticità stessa dell’edificio. Oggi  durante i lavori  del cantiere è stato rivisto e potenziato anche  l’impianto di illuminazione.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIn gravissime condizioni la ragazza di Santa Ninfa folgorata mentre si faceva la doccia
Articolo successivoTutto pronto per la serie A1 per la T.H. Alcamo