Valentina Palmeri: “Le trivellazioni potrebbero scatenare terremoti”

2179

Palmeri fotoPALERMO. L’alcamese deputata dei 5 stelle è la prima firmataria dell’atto che riguarda le trivellazioni in Sicilia, che reputa un rischio sismico per l’isola. Valentina Palmeri, congiutamente a tutto il movimento, ha presentato una mozione che chiede al governo regionale di fermare   il prelievo e revocare le concessioni già rilasciate di ricerca di idrocarburi in Sicilia, già terra ad alto rischio sismico.

Questo tipo di attività – afferma la parlamentare Cinquestelle Valentina Palmeri – potrebbe produrre una sismicità indotta o innescata, anche a diversi chilometri di distanza. Le estrazioni e le attività di ricerca potrebbero essere molto pericolose in una terra ad alto rischio sismico come la Sicilia, dove sono ancora vivi i ricordi dei disastrosi sismi di Messina nel 1908 e della Valle del Belice del 1968, e, per andare più indietro nel tempo, quello della Val di Noto del 1693”.

L’Emilia Romagna è l’esempio che i 5 Stelle hanno in mente, in quella regione le attività estrattive sono state bloccato dopo il sisma del 2012 a seguito di una commissione di inchiesta che ha sentenziato che le estrazioni possono produrre, in alcuni casi, sismicità indotta o innescata. I 5 Stelle siciliani denunciano che in Sicilia non è stata fatta alcuna ricerca preliminare e ciò rende ancora più incerto lo stato delle cose. In Emilia un altro dei 5 Stelle nel 2011, prima del terremoto, aveva chiesto di bloccare le trivellazioni, ma l’emendamento era stato respinto.

Fermare le trivellazioni – afferma Valentina Palmeri – è necessario, considerato che la politica europea in materia ambientale è fondata sul principio di precauzione, come strategia di gestione del rischio, quando i dati disponibili non consentono una valutazione completa del rischio per l’ambiente o per la salute degli esseri umani”.

Gli altri componenti del Movimento danno manforte alla Palmeri dichiarando che il problema non è solo sismico ma di danneggiamento delle falde acquifere e l’abbassamento delle stesse che possono essere raggiunte a costi maggiori.

 

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedentePrimi risultati del coordinamento ambientale di Castellamare contro i pontili
Articolo successivoAlcamo: Campionato Regionale ACSI strada 2014. I risultati
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.