Mezzo PD alcamese prende le distanze dalle dichiarazioni di Canzoneri

1926

Giuseppe CanzoneriALCAMO. A seguito dalle motivazioni dichiarate dall’ex segretario alcamese del PD, Giuseppe Canzoneri, sulle proprie dimissioni, arriva durissima la replica da parte di diversi esponenti del PD locale. Oltre ai renziani, ad esprimere la propria contrarietà all’esternazioni di Canzoneri c’è anche l’ex segretario del PD, Vincenzo Cusumano, e i simpatizzanti dell’area Cuperlo.

Non sono andate giù alla minoranza del partito, quella che ha sostenuto alla corsa per la segreteria il giovane Salvatore Cangemi, le colpe attribuitegli da Canzoneri in merito al suo fallimento come segretario cittadino.

Ad un mese dal nostro precedente comunicato – si legge in una nota stampa – ci corre l’obbligo di prendere le distanze dalle motivazioni che hanno spinto il Segretario del Partito Democratico Giuseppe Canzoneri a rassegnare le dimissioni sia per i toni che egli ha usato ma ancor di più per i contenuti totalmente privi di verità ed ancora ci dissociamo dal suo attacco all’Amministrazione Bonventre a cui invece continuiamo a dare il nostro sostegno e la nostra fiducia. La reale causa della sua decisione è da attribuire all’implosione creatasi in seno alla maggioranza stessa che lo ha portato all’elezione a segretario solo sette mesi addietro e, in merito, non c’è altro da aggiungere.

Crediamo indispensabile – conclude il comunicato – ora più che mai, che il nuovo corso che il Partito si appresta ad intraprendere segni una netta discontinuità con il passato aprendo il dialogo costruttivo con nuove realtà e soggetti politici vicini al centro sinistra o che si rifanno ai valori progressisti. In tal senso non mancherà di certo il nostro contributo verso un nuovo progetto politico che affronti i temi che più stanno a cuore ai cittadini di Alcamo e quelli di maggiore respiro in ambito regionale.

Questi i diciannove componenti che hanno firmato il documento di sfiducia del segretario: Roberto Calvaruso, Salvatore Cangemi, Ylenia Settipani, Vincenzo Mulè, Antonella Ricotta, Irene Milana, Giuliana Lucchese, Vincenzo Santangelo, Margherita Di Bartolo, Gabriele Morrone, Gisella Bosco, Antonina Caldarella, Vincenzo Amodeo, Antonino Lauria, Angelo Brucia, Ornella Raneri, Pietro Di Leo, Fabio Ferrara ed Elisabetta Pirrone.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLeonardo Renda Cittadino da rivalutare:lo chiede la famiglia
Articolo successivoA Castelvetrano microchippatura gratuita