L’ITC G.Caruso conclude il progetto “Conosco la mia Città…e non solo”

1981

Istituto Tecnico Conosci la cittàOggi 16 aprile 2014 alle ore 10 presso l’ITC ‘G. Caruso’, ad Alcamo si terrà la cerimonia per la consegna degli attestati di partecipazione del progetto, ‘Conosco la mia Città … e non solo’. Interverranno alla manifestazione: la prof.ssa Vincenza Mione Dirigente Scolastico dell’I.T.S. “G.Caruso” di Alcamo, il responsabile provinciale FAI Dott. Braschi, il Presidente del Centro Studi Don Rizzo Dott. Vincenzo Nuzzo, il Presidente Archeoclub Calatub ALcamo Dott.ssa Antonina Stellino, la responsabile U.O. di base per i beni archeologici di Trapani dott.ssa Giglio, il dott. Bandi Dirigente scolastico A.R. e la coordinatrice del progetto prof.ssa Rosanna Alesi.

L’Associazione Archeoclub d’Italia Calatub Alcamo con gli alunni, dell’indirizzo Relazioni Internazionale Marketing, dell’Istituto Tecnico ‘G. Caruso’ di Alcamo, con il progetto ‘Conosco la mia Città … e non solo’ sono entrati dentro il Territorio di Alcamo, approfondendo la conoscenza del vasto patrimonio storico, artistico, culturale, archeologico e ambientale.

10270932_10201702863719505_1930737444_oTanti sono stati i momenti significativi che hanno caratterizzato il progetto. Infatti i ragazzi hanno avuto l’opportunità di poter osservare, con maggiore consapevolezza, il luogo in cui vivono venendo a contatto con le risorse locali, come ad esempio: le dune di Alcamo Marina, il Monte Bonifato con la sua brioflora, la sua storia e l’archeologia, hanno realizzato i pani di San Giuseppe, sono andati alla scoperta della città di Alcamo quando ancora non era città ma casale e dell’architettura sacra e non sacra dal ‘500 al ‘700.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCondannati per tentato omicidio e rapina ai danni di un anziano alcamese. Arrestati dalla polizia
Articolo successivoStipendi Aimeri, mai più ritardi. Bonventre: “pagati gli stipendi ai lavoratori”
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.