I giovani e le istituzioni: “Una giornata in Comune” per gli alunni della Navarra

1286

giovani e istituzioniALCAMO. I giovani si avvicinano alle istituzioni per conoscerle ecomprenderle meglio. Questo il progetto interessante pensato dall’Assessore  alla Pubblica Istruzione e alle Politiche giovanili, Selene Grimaudo, insieme al Presidente del Consiglio, Giusepe Scibilia. Il primo incontro ha avuto come protagonista la scuola Navarra di  Alcamo.

“Una giornata in Comune” è un’idea che ha lo scopo di far conoscere il mondo dell’istituzione comunale ai ragazzi delle scuole. Durante la visita, a cui erano presenti oltre l’Assessore e il Presidente del Consiglio, anche il capo di Gabinetto del Sindaco Giovanni Dara e il Consigliere Gaetano Intravaia, dopo l’accoglienza e la conoscenza dei locali del Comune e della stanza del Sindaco, è stata effettuata una simulazione di un Consiglio comunale.

Con il giovane Sindaco e i Consiglieri è stato discusso uno dei temi che hanno infuocato l’opinione pubblica.  Nello specifico, all’O.d.G. si è parlato della chiusura del Centro Storico di Alcamo e del rinnovo, con votazione segreta, della carica di Presidente del Consiglio. I giovani Consiglieri si sono espressi con 20 voti favorevoli per la chiusura al traffico del centro storico, 8 voti contrari e 1 astenuto. Particolarmente interessante vedere come le nuove generazioni, forse più di quelle vecchie, apprezzino un centro storico totalemnte chiuso al traffico. Diverse le motivazioni favorevoli: la possibilità di passeggiare e giocare serenamente, non respirare gas di scarico, fare acquisti con i genitori senza auto, ma è stata anche proposta a monte una chiara richiesta di riorganizzazione della viabilità circostante. Si è passati, infine alla votazione per il rinnovo della carica di Presidente del Consiglio. Per la prima volta, ad Alcamo, eletta una “donna” ancora undicenne.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCastellammare commemora la strage di Pizzolungo
Articolo successivoCorrao (Cisl Fp), bene la riconferma di De Nicola, ma…