Turni dell’erogazione dell’acqua ogni sei giorni

1005

acquaAlcamo e il problema dell’acqua: ormai sembra il titolo di una tragedia antica perché da decenni i cittadini alcamesi si vedono costretti a risparmi estremi nell’utilizzo delle risorse idriche o a comprare acqua, spesso e mal volentieri. Naturalmente il problema non è imputabile a questa amministrazione, come anche in parte alle precedenti, ma cosa altrettanto grave è che nessuno ha affrontato il problema. La stessa cosa sembra stia facendo questa amministrazione comunale. I problemi sono gravi, ma a cosa servono i governi locali e la loro azione amministrativa? Appunto a risolvere i problemi, anche se non creati da loro. I cittadini sono esasperati da turni dell’erogazione dell’acqua che arrivano a 10 giorni, come ultimamente è successo per un “guasto” alla sorgente della condotta idrica di contrada Cannizzaro. In quest’ultimo caso si è provveduto ad una riparazione, come cita un comunicato del comune, e l’ erogazione avverrà ogni sei giorni (Sotto sono riportati i giorni e la mappa delle zone). Molti cittadini gioiranno per questo ed è proprio questa la cosa triste. Siamo costretti a gioire di un risultato che in altre parte sarebbe turnazione da crisi.

Nel comunicato è anche presente una mappa delle zone e i giorni di erogazione:

TURNI DI EROGAZIONE IDRICA DELLA SETTIMANA
26 MARZO EROGAZIONE IDRICA ZONA 1
27 MARZO EROGAZIONE IDRICA ZONA 2
28 MARZO EROGAZIONE IDRICA ZONA 3
29 MARZO EROGAZIONE IDRICA ZONA 5
30 MARZO EROGAZIONE IDRICA ZONA 4

PLANIMETRIA TURNI ACQUA

 

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteMaltempo: albero sulla via per Camporeale
Articolo successivoSfida contro il Kelona Palermo. Ultima partita in casa per la T.H. Alcamo per la poule promozione in A1
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.