I ragazzi dell’I.T.S. “G.Caruso” entrano in azienda

1317

DSCN8675ALCAMO. Nei giorni scorsi alcune classi dell’I.T.S. “G. Caruso” hanno fatto visita alla Lombardo s.p.a. di Buseto Palizzolo. L’azienda, leader nel settore delle biciclette, è di proprietà dei fratelli Lombardo che hanno accolto gli studenti mostrando loro il lavoro all’interno dell’azienda e le varie fasi del processo produttivo. Gli studenti sono rimasti molto soddisfatti per aver toccato con mano la realtà aziendale. La Lombardo s.p.a. è molto conosciuta in gran parte dell’Europa ed è l’unica in Italia ad utilizzare i sistemi Bosch per le loro biciclette elettriche, proprio per questo da circa 3 anni ha stretto un accordo di partnership con la Bosch.

L’azienda oggi è composta da circa 60 dipendenti e possiede circa 900 punti vendita in tutta Italia, da Bologna in giù. Inoltre possiede anche diversi punti vendita all’estero sparsi tra Belgio, Germania e Francia.

La Lombardo s.p.a. oggi, oltre ad una grande organizzazione interna, è un’azienda all’avanguardia per quanto riguarda i macchinari adibiti alla produzione, infatti possiede una delle undici macchine esistenti al mondo per l’inserimento dei raggi nel mozzo. Ogni componente della bicicletta ha la sua posizione; poiché si stabilisce un calendario di produzione. Producono circa 130 modelli di biciclette tra quelle elettriche, da corsa ma anche personalizzate. La loro crescita annuale è del 18% circa e hanno un fatturato annuo di circa 10.000.000 di euro. Gli alunni dell’I.T.S. “G.Caruso” di Alcamo sono rimasti molto colpiti ed entusiasti per l’incontro con i fratelli Lombardo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteArrestato giovane spacciatore di Buseto Palizzolo
Articolo successivoPost “benattia”: Vesco interroga Bonventre
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.