Il “Trekking della memoria” ieri a Castellammare

1612

20140323_141118CASTELLAMMARE DEL GOLFO – Si è svolto ieri il “Trekking della Memoria” organizzato ieri dalle associazioni Libera, Castello Libero e dalla sottosezione CAI di Castellammare. 

Un incontro fortemente voluto dalle associazioni per voler ricordare in maniera diversa tutti gli uomini e le donne caduti per mano mafiosa e portare il loro ricordo sulle “nostre gambe”.

Durante il percorso sosta al bene confiscato in contrada Crociferi  assegnato alle associazioni Castello Libero, Agesci, Libera e associazione Antiracket di Castellammare. “Siamo ancora troppo pochi a partecipare a questo genere di manifestazioni, noi ci mettiamo la faccia, mentre molta gente non ha voluto prendere parte a questa manifestazione proprio per non schierarsi pubblicamente” ha commentato Nicolò Prosa, referente del presidio di Castellammare di Libera.20140323_141135

A conclusione del trekking raduno presso il bosco della “Vaccheria” dove ci sono stati alcuni interventi degli alunni delle scuole, contributi artistici e musicali, riflessioni sulla lotta alla mafia e alle mafie e la toccante testimonianza di Antonella Borsellino, figlia e sorella degli “altri” Borsellino, come spesso vengono chiamati. Giuseppe Borsellino era un imprenditore onesto che rifiutò qualsiasi tipo di compromesso o sottomissione al potere ed agli interessi mafiosi e proprio per questo venne ucciso il 17 dicembre 1992, in un piazza, dopo aver rivelato alla magistratura i nomi dei mandanti e degli esecutori dell’omicidio del figlio Paolo (ucciso il 21 aprile 1992). Le sue dichiarazioni permisero agli inquirenti di ricostruire gli intrecci tra mafia, affari e politica dell’hinterland lucchese di quel periodo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteCoppola rende nota l’organizzazione del SUAP
Articolo successivoRestituito più di 1 milione di euro al comune: MODi chiede l’abbassamento delle aliquote sugli immobili
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.