GD e RuN chiedono di modificare gli orari della Biblioteca comunale di Alcamo

1562

run giovani-democraticiCi sono cose che in ambito universitario si fanno con una semplicità assoluta, mentre ad Alcamo incontrano difficoltà non poco importanti. Ci sono studenti universitari che, in giornata tipo, trascorrono del tempo a studiare nelle biblioteche degli atenei italiani o, più semplicemente in quelle siciliane. Perchè questi giovani, che fuori casa assumono atteggiamenti di apertura e coltivano abitudini sane, tornati a casa devono regredire ad una condizione in cui i tempi di uno studente non sono minimamente presi in considerazione? Perchè non offrire questa possibilità, in maniera completa e funzionale, a ragazzi provenienti dalla scuola superiore che possano trovare nella biblioteca comunale un luogo in cui studiare fuori di casa con la possibilità di fare ricerche adeguate?

La “Run”(Rete Universitaria Nazionale) e I Giovani Democratici hanno riscontrato sul territorio alcamese un crescente numero di studenti che ogni giorno frequentano biblioteche e sale lettura in cui poter studiare e per questo hanno indirizzato una richiesta al Sindaco di Alcamo in cui si spiega: “ad Alcamo l’esigenza di creare dei servizi ugualmente funzionali per questa utenza si scontra, ogni giorno, con l’organizzazione della biblioteca comunale che osserva orari di apertura non consoni alle necessità degli studenti universitari e liceali”.

Al fine di garantire il miglior servizio possibile, Salvatore Cangemi, in qualità di segretario dei Giovani Democratici di Alcamo, e Vincenzo Mulè, in qualità di rappresentante dell’Associazione Universitaria Run hanno chiesto di modificare gli orari di apertura e chiusura della Biblioteca. Nello specifico i due rappresentanti suggeriscono orari di apertura che vadano dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 20.00. Infine il sabato dalle ore 09.00 ale 13.00 e dalle 16.00 alle19.00. Inoltre gli stessi hanno richiesto che la sala studio venga dotata di connessione Wi-Fi gratuita per l’utilizzo di internet e risorse multimediali , in modo da rendere possibile l’utilizzo di strumenti tecnologici adeguati alle attuali esigenze degli studenti.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteL’assessore Grimaudo presenta il suo programma
Articolo successivoArriva la proposta di istituire la Riserva orientata di Monte Inici