Castellammare ricorda Piersanti Mattarella

1126

CASTELLAMMARE DEL GOLFO – Nella mattinata di ieri presso il cimitero comunale di Castellammare del Golfo si è svolta la cerimonia per commemorare il concittadino Piersanti Mattarella, ucciso dalla mafia il 6 gennaio del 1980 a Palermo nella centralissima via Libertà. Sono passati trentaquattro anni dalla sua morte, avvenuta a soli 45 anni. Alla cerimonia hanno partecipato: Salvatore Inguì di Libera Trapani, il presidio di Libera Castellammare intitolato allo stesso Mattarella, l’associazione Castello Libero onlus, le forze dell’ordine, alcuni consiglieri comunali e l’amministrazione comunale.

Il Sindaco Nicolò Coppola ricorda con commozione il concittadino, Presidente della Regione Siciliana, barbaramente ucciso dalla mafia trentaquattro anni fa. “Oggi la mafia ancora non è stata sconfitta, ma con lui sarebbe stato sicuramente più facile. Lui era una persona eccezionale per dinamismo, per cultura e per sensibilità. La storia della Sicilia è cambiata con la morte di Piersanti Mattarella; lui aveva un’idea di politica visionaria, diversa, moderna. Oggi la mafia utilizza canali diversi, spara di meno ma è sicuramente più forte. Mi sento di dire a Piersanti, grazie, per quello che ha fatto per noi e per il suo impegno politico.”

Anche padre Michele Crociata ricorda con affetto Piersanti Mattarella: “La famiglia Mattarella insieme a Piersanti è stata una della famiglie che maggiormente ha inciso sulla vita e sulla storia di Castellammare.”

Sulla tomba del Presidente Mattarella è stata depositata una corona di fiori e una bandiera di Libera. Castellammare non dimentica uno dei personaggi più illustri della Sicilia, scomparso prematuramente, che ha dedicato parte della sua vita alla lotta alla mafia.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteL’Alcamo Calcio inizia il nuovo anno con il piede giusto
Articolo successivoCastellammare, successo per la discesa della befana
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.