Fava e Palazzotto chiedono lumi sulla Bcc “sen. Grammatico”

763

I deputati Fava e Palazzotto hanno indirizzato una interrogazione al ministro dell’interno e a quello dell’economia e delle finanze.

La questione su cui chiedono risposta scritta riguarda la banca di credito cooperativo “sen. Grammatico”. Ma prima di arrivare all’interrogazione occorre una premessa: nelle scorse settimane a Filippo Coppola sono stati sequestrati 8 immobili e 32 terreni agricoli, un’impresa agricola, 22 conti correnti, libretti bancari e postali e buoni fruttiferi. Coppola era stato già condannato nel 2002 per associazione a delinquere e sembra abbastanza certo che sia uno degli uomini di spicco della famiglia di Paceco, provati anche i rapporti con Matteo Messina Denaro, al quale Coppola ha offerto più volte ospitalità.

Da quanto emerso dalle indagini sembra provato che Coppola negli anni abbia usufruito di numerosi prestiti e mutui bancari per almeno mezzo milione di euro, per lo più concessi dalla banca di credito cooperativo “Senatore Pietro Grammatico” di Paceco.

Considerato che i legami di Coppola e cosa nostra risalgono agli anni 70 e il primo arresto risale al 1996 la domanda è adesso sull’istituto di credito: com’è possibile che esso abbia continuato ad erogare prestiti e concedere mutui ad un pregiudicato? Cosa intendono fare i ministri interpellati in merito?

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAnche quest’anno prende vita il presepe vivente a Calatafimi
Articolo successivoPresentazione del nuovo percorso di programmazione del Piano di Azione e Coesione
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.