Niclo Solina interviene sulla vicenda del voto di scambio

883

ALCAMO. La notizia degli avvisi di garanzia a Papania e Ciccia, e ad altre 5 persone coinvolte nel caso, ha rianimato la questione che riguarda le amministrative di un anno e mezzo fa. Ora che Marcello Viola e Rosanna Penna hanno un’indagine aperta per il reato di voto di scambio abc sente il bisogno di esprimere la propria volontà di fare chiarezza sulla vicenda una volta per tutte. Come ben si sa Bonventre divenne sindaco per soli 39 voti ma già alla chiusura dei conteggi l’avversario politico aveva denunciato delle irregolarità che i rappresentati di lista avevano riscontrato in diverse sezioni del comune di Alcamo.

Adesso Niclo Solina, allora avversario diretto del ballottaggio, interviene sulla questione e afferma:“La notizia importante degli ultimi momenti è che, per la prima volta, ad Alcamo sono state sequestrate le schede elettorali; in particolare sono state sequestrate le schede del ballottaggio di un anno e mezzo fa in sei sezioni elettorali della nostra città. Le schede sono state esaminate una per una ed è stato trovato un numero rilevante di schede attribuite a Bonventre che presentano segni di riconoscimento. Nello specifico ci sono 433 schede attribuite a Bonventre che sono passibili di annullamento”.  Inoltre, continua Solina, “oggi arriva un elemento che conferma quello che le intercettazioni avevano fatto emergere: nelle schede che sono state sequestrate, aperte e controllate, ci sono quei segni di cui si parla nelle intercettazioni. Sostanzialmente quello che avevamo detto un anno e mezzo fa, oggi, a una certa distanza di tempo, è verificato”.

Concludendo afferma la volontà del movimento che lo ha portato ad un passo dall’essere sindaco: “Noi (di ABC) come obiettivo ci siamo prefissi che sia accertata la verità; siamo convinti che sia un obiettivo che riguardi tutti, che riguardi l’intera cittadinanza. Noi aspettiamo con fiducia che questa verità venga a galla; abbiamo fino ad ora lottato, non abbiamo mai indietreggiato un attimo, perché siamo convinti che la verità non è quella che diciamo noi, ma quella che emergerà dalle schede elettorali. E soltanto guardando le schede tutte potrà emergere effettivamente quanti voti sono stati attribuiti regolarmente a ciascun candidato sindaco. Noi abbiamo chiesto che si esaminino le altre 24 sezioni, alla fine di questo controllo la verità emergerà.”

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTre giovani alcamesi nella finale del Campionato Italiano di Judo
Articolo successivoAnche per Solina 813 schede “anomale”
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.