Il peschereccio mazarese Pindaro torna a casa

530

MAZARA DEL VALLO. Dopo sei lunghi interminabili giorni, il peschereccio mazarese “Pindaro”, sequestrato lo scorso 20 agosto ai limiti della zona di ripopolamento ittico “Mammellone” da una motovedetta tunisina, è stato rilasciato. A darne notizia e’ il presidente del Distretto Produttivo della Pesca, Giovanni Tumbiolo, che attraverso una lettera ha manifestato il suo personale apprezzamento e della marineria mazarese al neo Ambasciatore d’Italia a Tunisi, Raimondo De Cardona, per il grande lavoro, professionalità ed efficacia in merito alla vicenda, considerato anche il momento cosi’ delicato e di transizione della storia della Tunisia. La società armatrice Ma.Gi.Mo ha pagato l’ammenda di circa sedicimila euro stabilita dall’autorità di vigilanza marittima.

A bordo del peschereccio, sette uomini d’equipaggio: tre mazaresi, tra i quali il comandante Vito Perniciaro e quattro tunisini.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAllerta meteo, arriva nel trapanese il MCC
Articolo successivoAlcamo, domani in consiglio comunale