Alcamo Decadence, la fine di un sistema

1531

Ogni fenomeno umano ha un inizio e una fine. A questo non si sottrae “Alcamo Decandence”,  che ha visto Alcamo per decenni  in mano a “buoni” amministratori, che hanno proposto un modello di società e economia approvato dalla stragrande maggioranza della popolazione e dalla stragrande maggioranza dei rappresentanti politici della stessa città, ma questo modello è crollato con la crisi economica, mettendo in evidenza le pecche del sistema. La “Decadence” non si limita al crollo del “vecchio”, ma alla constatazione che l’alternativa a questo sistema non riesce ad accalorare i cuori degli alcamesi; riesce ad avere una buona affermazione, ma non a diventare un sistema di riferimento per la maggioranza dei cittadini. Il risultato di tutto questo è sotto gli occhi di tutti gli alcamesi: degrado strutturale della città e poca influenza politica nelle “stanze dei bottoni”, cioè dove si decide. La soluzione? Fare ciò che agli alcamesi riesce meglio, rimboccarsi le maniche, coltivare e ricostruire, non eliminando il passato, ma rinvigorendone le caratteristiche migliori e immettendo nuovi progetti e nuove modalità. Molti auspicherebbero non una “Rivoluzione”, perché inasprirebbe i toni dello scontro politico, ma un  cambiamento, cioé una politica alternativa, non “gridata” e concreta, lontana dall’ipocrisia del “politically correct”, che sa più di inciucio che di vera politica.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAvvistati capodogli nelle Egadi
Articolo successivoEnnesimo rogo ad Alcamo
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.