Domingo confessa di aver messo gli ordigni nella segreteria di Papania

1130

ALCAMO. Francesco Domingo, uno dei tre indagati per aver incendiato il portone della segreteria politica del Senatore Nino Papania, ha confessato di aver preparato e piazzato i due ordigni la notte tra il 22 e il 23 febbraio del 2012. Sentito dal sostituto procuratore Rossana Penna, ha anche ammesso di aver fatto tutto da solo nel tentativo di scagionare gli altri due complici, Antonino Mistretta ed Enzo Amato.

L’imputato nella sua versione dei fatti, ha negato di aver fatto pressioni al Senatore Papania con lo scopo di ottenere un posto di lavoro ma, visto il suo stato di disoccupazione, ha voluto lanciare un forte segnale alla politica, responsabile della crisi economica. Gli inquirenti non convinti della versione di Domingo, hanno chiesto un rinvio a giudizio per i sette imputati.

Antonino Mistretta, Francesco Dominco e Enzo Amato dovranno rispondere di incendio e tentata estorsione, mentre per Leonardo e Giuseppe De Blasi, padre e figlio, Giovanni Renda e Leonardo Vicari l’accusa è di tentata estorsione.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteConcorsi di poesia e fotografia per Alcart 2013
Articolo successivoAlcamo, alcuni consiglieri comunali implicati nelle indagini per voto di scambio
Marcello Contento
Marcello Contento, nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.