Positivi i conti del Comune di Alcamo

638

ALCAMO. E’ stata approvata, dall’Amministrazione Bonventre, la relazione al rendiconto di gestione dell’ anno 2012. Soddisfatti del risultato sia il Sindaco Bonventre che l’Assessore al Bilancio, Gianluca Abbinanti, per aver operato sia in termini di risparmio, della spesa corrente e del personale, che del miglioramento dei conti pubblici.

“Infatti – commenta Gianluca Abbinanti – le spese correnti subiscono una riduzione rispetto all’anno precedente che passa da € 39.395.347,58 per il 2011 a € 36.345.451,89 nel 2012, con una riduzione del 7,74% rispetto al 2011. Si evidenzia anche la riduzione della spesa corrente per prestazione di servizi passata da € 18.112.870,41 a € 16.554.627,33 con una riduzione del 8,60% rispetto al 2011″.


Anche la spesa del personale si è ridotta di circa – 4,20%  passando, così, da 16.734.042,40 del 2011 a € 16.030.330,39 del 2012. Positivo anche l’incremento per la spesa d’investimenti che passa da circa due milioni e quattrocento mila euro del 2011 ad oltre dieci milioni nel 2012. L’ Assessore spiega che questo incremento è dovuto ad un finanziamento regionale per la realizzazione del progetto “riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile”.

Soddisfatto anche il Sindaco Sebastiano Bonventre. “Esprimo – commenta il primo cittadino – viva soddisfazione per i risultati raggiunti che palesano come i conti del Comune siano in ordine.” Il risultato finale della gestione ha portato, in un’ottica complessiva, un avanzo di oltre novecentomila euro per il comune che sommato al complessivo avanzo di amministrazione degli anni precedenti raggiunge un cifra di oltre nove milioni di euro, di cui circa il 30% risulta vincolato.



CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteI sindacati contestano i ritardi nell’avvio a lavoro dei forestali nella riserva dello Zingaro
Articolo successivoAlcamo, “Pedalando sotto le stelle”
Marcello Contento
Marcello Contento nasce a Palermo nel 1982, vive la sua vita tra la Sicilia e la Toscana. Giornalista, insegnante di economia aziendale e lettore incallito di Tex e Alan Ford.