La Processione di Maria Ausiliatrice, un Popolo in cammino

1830

Il Cristianesimo da secoli è una religione seguitissima, da poveri e da ricchi, e nelle sue espressioni più visibili mette in evidenza, ancora oggi, che esiste un popolo, ancora numeroso, che ha voglia di esprimere la propria appartenenza e religiosità. Tutto questo è stata la Festa di Maria Ausiliatrice, che si è conclusa venerdì sera con la Processione. Molti vedono queste “funzioni” come un “evento quasi pagano”, invece chi ha vissuto l’esperienza di vedere la Processione, si è trovato davanti a un Popolo in Cammino e pieno nel cuore di Cristo, a cui si è accostato grazie a Maria, che è l’unico tramite che porta direttamente a Lui. La Processione è partita dalla Parrocchia Anime Sante, dove è custodita la statua di Maria Ausiliatrice. Ciò che doveva accadere si è visto sin dall’uscita della statua, infatti gli astanti, numerosissimi, alla sua vista si sono bloccati a guardarla come se intorno non ci fosse più niente, erano loro e Maria. Un’altra prova del “miracolo” di Maria è stato vedere gente dai balconi gridare con forza e convinzione “Viva Maria”, e infine sentire anche non credenti ammirare quel Popolo che si riuniva con fratellanza. Un’esperienza da vivere assolutamente, anche se non si è credenti, ma si ha la voglia intellettuale di capire il Cammino del Popolo cristiano e vedere con i propri occhi che le tradizioni non sono dei contenitori vuoti, ma sono ricolme di Passione e Idee. Tutti gli eventi della Festa di Maria Ausiliatrice si devono, anche, all’impegno e dedizione dell’Associazione di Maria Ausiliatrice, che si è occupata dell’organizzazione, ma cosa più importante, mediante  la propria testimonianza, ha fatto sì di far accostare sempre più persone al culto di Maria e al Cristianesimo.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteAlcamo, nasce un nuovo soggetto politico: Unione Centro Democratico.
Articolo successivoIL CRIVILLAGE AD ALCAMO PER FESTEGGIARE IL MOVIMENTO INTERNAZIONALE DI CROCE ROSSA E MEZZA LUNA ROSSA
Eros Bonomo
Eros “Libero” Bonomo, Giornalista siciliano, vive ad Alcamo, il cui lavoro è incentrato su Passione, Rispetto e Indipendenza, così da informare al meglio i cittadini. Grande “divoratore” di Dylan Dog, musica e libri, in particolare di storia politica. Motto: “Non sarai mai solo con la schizofrenia”.