Alcamo ricorda Falcone…ma gli alcamesi?

701

ALCAMO – In tutta Italia si sono svolte ieri le celebrazioni in memoria delle vittime di mafia ed in particolare di Falcone e Borsellino: piazze piene e migliaia di persone unite per ricordare i grandi uomini e donne che hanno perso la loro vita per contrastare il fenomeno mafioso. Anche Alcamo non è stata ferma dinanzi a tale giornata commemorativa ed ha organizzato diverse manifestazioni. Tra queste, “Siamo…Capaci”, organizzata da un’insieme di associazioni, diventate per l’occasione un tutt’uno, e con la fattiva collaborazione del Comune.

Manifestazione ben riuscita da un punto di vista organizzativo, che ha avuto tra i momenti più toccanti la testimonianza di Bommarito, figlio dell’appuntato dei carabinieri ucciso in un attentato, insieme al collega Pietro Morici, anch’egli di scorta al capitano Mario D’Aleo, e quella di Placido Rizzotto, nipote dell’omonimo sindacalista, ucciso per il suo impegno a favore del movimento contadino per l’occupazione delle terre. Bravi anche i gruppi musicali che si sono susseguiti sul palco.

Insomma una serata  ottima per cogliere alcuni spunti dai quali partire per alcune riflessioni. Prima fra tutte, perchè se questa manifestazione è stata fatta per gli alcamesi, gli alcamesi sono rimasti a casa?

Solo un centinaio di persone ha infatti partecipato al corteo che da piazza Falcone Borsellino è arrivato in piazza Ciullo e un atrio del Collegio dei Gesuiti con poca gente. Forse le condizioni climatiche non sono state clementi ma affrontare un pò di fresco è un atto dovuto a tutta la gente morta per dare un futuro migliore a tutti noi.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl gruppo ABC lascia l’aula durante il consiglio comunale per protesta contro D’Angelo
Articolo successivoNasce ad Alcamo l’associazione “No Stalking onlus”
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.