Fundarò chiede l’apertura domenicale delle biblioteche alcamesi

862

ALCAMO. Il consigliere Antonio Fundarò, durante un suo intervento nella scorsa seduta consiliare, è tornato a chiedere attraverso una mozione, che l’apertura delle biblioteca civica e quella multimendiale, si estenda al sabato e alla domenica”

“Abbiamo deciso  – spiega il capogruppo del PD – di partire da un tema sentito dai giovani ma che, se realizzato, porterebbe benefici a tutta la comunità. Posto che la biblioteca è un servizio che il Comune offre ai cittadini per diffondere cultura gratuitamente; posto altresì che sono numerosi gli studenti che avvertono l’esigenza di apertura della Biblioteca in orario serale e nelle giornate di domenica; considerato che la biblioteca è un importante punto di riferimento per gli studenti universitari che in essa trovano spazi adeguati per preparare i loro esami; considerato inoltre che la domenica è il giorno in cui la maggior parte dei cittadini è a casa da lavoro o dalla scuola ed ha maggiore opportunità di utilizzare il servizio; considerato altresì che un ampliamento dei servizi culturali va sicuramente a beneficio dell’intera collettività e della sua crescita, si chiede l’immediata apertura serale, del sabato e domenicale delle due biblioteche civica e multimediale di cui dispone la città di Alcamo” .

Fundarò chiede inoltre “la costituzione immediata della deputazione della biblioteca, prevista dal regolamento, con personalità, storici, etnoantropologi e giornalisti per assicurare il corretto funzionamento delle stesse anche dopo il pensionamento del prof. Roberto Calia a cui va il grazie dell’intera cittadinanza per l’indiscusso apporto culturale e professionale nella gestione della biblioteca civica che negli anni di sua direzione ha accresciuto notevolmente la sua consistenza libraria, anche attraverso importanti donazioni, portando i volumi da 7 mila a quasi 90 mila”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteUomo scomparso nel palermitano
Articolo successivoIn attesa del 25 maggio per la Beatificazione di Padre Pino Puglisi