Sentiti i primi testimoni nel processo per l’omicidio del castellammarese Giuseppe Bongiorno

798

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. Continua il processo a carico di Valentin Florian Bukur, il ventitreenne di nazionalità romena accusato insieme a un minorenne, dell’omicidio di Giuseppe Bongiorno, pensionato castellammarese ucciso lo scorso anno nella sua abitazione.

I fatti risalgono al 20 febbraio 2012. La vittima venne trovata senza vita il giorno seguente, legata a terra vicino al letto, senza vestiti e con una sciarpa e un cavo elettrico intorno al collo.

Nei giorni scorsi sono stati ascoltati i primi testimoni. Il direttore del laboratorio di genetica forense della Polizia scientifica di Palermo, Nicolò Polizzi, ha riferito che sono state rinvenute all’interno dell’abitazione di Bongiorno, impronte e sostanze ematiche riconducibili all’imputato. Pare infatti che sul luogo del delitto, sia stato ritrovato un fazzoletto di carta intriso di liquido seminale riconducibile proprio al ragazzo. Nel corso dell’udienza è stato sentito Giuseppe Lamia, sovrintendente della Polizia di Stato, che fu uno dei primi ad intervenire sul posto.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteC’era una volta la maggioranza…
Articolo successivoSi al rilascio delle concessioni edilizie nella zona pedemontana