Le indagini sull’omicidio di Palermo si concentrano sul mondo gay

453

PALERMO – Massimo Pandolfo, è questo il nome del cadavere rinvenuto lo scorso 26 aprile in una discarica della borgata di Acqua dei Corsari con il volto fracassato da colpi di pietra e 40 coltellate. Inizialmente la vittima era stata identificata dai familiari come Alessandro Porretto, uno psicolabile, ma di lì a breve la notizia era stata rettificata in quanto la polizia ha incontrato quest’ultimo mentre passeggiava lungo le strade di Bagheria.

La scomparsa di Pandolfo era stata denunciata dalla madre, preoccupata dal suo mancato rientro a casa. L’uomo, imprenditore 46enne, aveva precedenti per truffa ad istituti di credito ma stando alle prime indagini non sembra esserci nessun collegamento con il movente dell’omicidio. Così come sembra allontanarsi anche il filone legato all’attività lavorativa della vittima che, negli ultimi periodi, si dedicava alla ristrutturazione di edifici nel centro storico di Palermo. Gli inquirenti starebbero invece seguendo la pista passionale maturata nell’ambiente degli omosessuali che l’imprenditore frequentava abitualmente.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteL’amarezza dell’analisi politica di Franco Rimi che passa al gruppo misto
Articolo successivoSuccesso per la P.M. Rocca alla finale dei Giochi Matematici
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.