A Castellammare sarà intitolata una via a Peppino Impastato.

1003

CASTELLAMMARE – Dopo un iter durato più di un anno, finalmente a Castellammare del Golfo sarà intitolata una via a Peppino Impastato, ucciso dalla mafia a Cinisi il 9 maggio 1978. A promuovere l’iniziativa il presidio di Libera “Piersanti Mattarella” di Castellammare e l’associazione Castello Libero che dal 2009 chiedono una piazza o una via per Peppino. La cittadinanza ha partecipato all’iniziativa anche su Facebook: ad oggi, il gruppo “Una Piazza a Peppino Impastato a C/mare del golfo” aperto nel 2009, ha raggiunto i 1174 membri.

E finalmente dopo anni di attese e rinvii a causa di problemi burocratici, ci siamo. La cerimonia di intitolazione della via si terrà sabato 11 maggio alle ore 11, alla presenza delle autorità e degli studenti delle scuole cittadine.  Sarà il prolungamento della transitata via Marsala, strada di collegamento tra il porto e il centro storico, ad essere intitolata all’attivista di Radio Aut.

Il sindaco Marzio Bresciani ha espresso la sua soddisfazione: “Si tratta di un gesto che val di là del simbolo di volontà condivisa di combattere la mafia, perché  occorre ribadire in ogni circostanza e con ogni mezzo che bisogna non abbassare mai la guardia contro la criminalità organizzata e mantenere la memoria, soprattutto per le nuove generazioni. Castellammare ricorda, con segni tangibili, coloro che, come Peppino Impastato, si sono battuti sino al sacrificio della propria vita, per la difesa della legalità e del bene comune”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteArrestato un giovane per tentato furto
Articolo successivoAlcamo, prima edizione “Music & Art for Madagascar by Eufònia – progetto Casa Speranza”
Emanuel Butticè
Emanuel Butticè. Castellammarese classe 1991, giornalista pubblicista. Laureato in Scienze della Comunicazione per i Media e le Istituzioni all’Università degli Studi di Palermo con una tesi sul rapporto tra “mafia e Chiesa”. Ama viaggiare ma resta aggrappato alla Sicilia con le unghie e con i denti perché convinto che sia più coraggioso restare.