I tabaccai protestano contro le sigarette elettroniche: “che siano vietate nei locali pubblici”

1065

TRAPANI. Il Presidente provinciale della Federazione Italiana Tabaccai, Vito Clemente, lancia una richiesta al sindaco di Trapani, Vito Damiano, circa la vendita che si è estesa a macchia d’olio su tutto il territorio, con la nascita di diversi esercizi commerciali specializzati nella distribuzione esclusiva del prodotto. “L’inadeguata regolamentazione della vendita e dell’utilizzo delle sigarette elettroniche, unito alle innumerevoli rapine, ai furti e al contrabbando di sigarette, stanno mettendo in difficoltà i rivenditori di tabacchi”.

Clemente chiede infatti che che ne venga almeno vietato l’utilizzo nei locali pubblici.

“Alcuni sindaci – ha spiegato – hanno già emanato ordinanze che vietano il fumo delle sigarette elettroniche nei locali pubblici. Auspichiamo che la questione venga affrontata anche dalle amministrazioni comunali del territorio a partire da quella del capoluogo”.

Per quanto riguarda invece il contrabbando e le continue rapine che i tabaccai subiscono sempre più di frequente, Il presidente del FIT ha rivolto un appello alle istituzioni e alle autorità competenti, rimarcando la mancanza tangibile di tutela, che per carenza di personale o di mezzi, le forze dell’ordine non riescono a garantire.

“La merce illegale – ha infine aggiunto – arriva soprattutto da Tunisi e sbarca nel porto di Trapani così come in quello di Mazara. Ci risulta, inoltre, che anche su diversi autobus provenienti dalla Romania vengono trasportate stecche di sigarette di contrabbando e pacchetti di sigarette di contrabbando vengono venduti anche all’interno di uffici della pubblica amministrazione”.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteRientrato l’allarme acqua ad Alcamo
Articolo successivoMaxi sequestro a due imprenditori di Alcamo e Trapani