Santangelo (m5s): nomina di D’Alì offesa all’antimafia

908

TRAPANI. “La conferma del Senatore Antonio D’Alì in qualità di rappresentante del Parlamento Italiano in seno all’Apem, l’Assemblea Parlamentare Euro Mediterranea, è l’ennesimo schiaffo istituzionale a tutti coloro che combattono ogni giorno la mafia, oltre che un pessimo messaggio dato a livello internazionale.L’incarico arriva nella stessa settimana del maxi-sequestro a Trapani agli imprenditori edili Francesco e Vincenzo Morici, ritenuti legati al boss latitante Matteo Messina Denaro, accusati perfino di aver utilizzato materiali che mettono a rischio la durata e la tenuta delle opere a loro appaltate, tra cui spiccano la funivia che collega Erice e il rifacimento del porto di Trapani in occasione della “Louis Vuitton acts”. Dall’inchiesta emergono soprattutto i rapporti tra i suddetti imprenditori, il senatore D’Alì e l’intesa con Francesco Pace, capomafia di Trapani, al fine di favorire i Morici nell’aggiudicazione degli appalti”- queste le parole del senatore trapanese, Vincenzo Santangelo, del movimento 5 stelle appena appresa la notizia

Si tratta di una nomina stabilita dal neo presidente del Senato Piero Grasso, che pur venendo dal ruolo di procutore nazionale antimafia, non  ha valutato le conseguenze della sua decisione che ha scatenato l’indignazione di molte personalità che orbitano intorno all’antimafia e delle società civile.

“Mi aspettavo dal Presidente Grasso ben altra decisione in merito, anche solo per coerenza e rispetto per se stesso e per le battaglie condotte contro il sistema mafioso, preferendo la minaccia di dimissioni ad una firma che lo rende in qualche modo complice. Il silenzio e la passività su questi temi da parte di chi occupa cariche istituzionali a qualunque livello non fanno che rafforzare quel sistema, inviando il messaggio opposto a quello che ci si aspetta soprattutto da coloro che contro la Mafia hanno combattuto per anni”- ha concluso Santangelo.


CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteTassa di sbarco per le isole minori, Favignana non ci sta
Articolo successivoPresentato il nuovo segretario dei GD di Alcamo
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.