Sgarbi dice la sua su Nicastri: si scaglia contro il ministro Cancellieri e la Prefettura

897

Vittorio Sgarbi, ex sindaco della Città di Salemi, interviene sulla vicenda della maxi confisca ai danni dell’imprenditore alcamese Vito Nicastri “il re dell’eolico”, avvenuta nella mattinata di ieri. Il critico d’arte, che più volte aveva denunciato infiltrazioni mafiose nel settore eolico, pretende spiegazioni dal Ministro degli Interni, Anna Maria Cancellieri, e dalla prefettura di Trapani, per essersi accaniti nei confronti di Giammarinaro, “che aveva fatto le sue cose trent’anni fa”, facendo così sciogliere il Comune di Salemi, e non si siano mossi invece nei confronti di Nicastri, di cui da anni ad Alcamo, si sapeva dei suoi rapporti con la mafia. Addirittura Sgarbi accusa il Ministro e la Prefettura di aver intrapreso dei rapporti di complicità con la mafia.

Sgarbi non esclude che possa muovere un’azione legale nei confronti del ministro Cancellieri e la Prefettura trapanese.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteLa Comunità Alloggio la Farfalla una realtà sociale nel nostro territorio
Articolo successivoDeceduto il boss Mariano Agate