Riapre la “Congrega dei Sacerdoti”

530

CASTELLAMMARE DEL GOLFO – E’ stato riaperta ieri l’edificio, al’interno del cimitero, della “Congrega dei sacerdoti” grazie all’intervento del Comune per dei lavori di messa in sicurezza. Difatti, il Comune di Castellammare si è sostituito alla Curia di Trapani ed ha avviato i lavori di messa in sicurezza, già quasi ultimati. All’interno della struttura sono tumulati oltre ai parroci del passato anche a diversi cittadini di Castellammare.

«Ho già affermato – commenta il Sindaco Marzio Bresciani – all’atto dell’affidamento dei lavori che si tratta di un atto necessario per garantire l’incolumità dei cittadini. L’edificio è stato chiuso nel 2009, ma non sono stati effettuati lavori di messa in sicurezza. Non abbiamo più potuto attendere che la Congrega intervenisse perché il tetto dell’immobile era prossimo al crollo»

Nel 2009, per la sicurezza di coloro che si recavano a visitare i defunti, un’ordinanza del sindaco Marzio Bresciani aveva predisposto la chiusura della struttura ed ordinato alla Congrega dei Preti, presso la Curia vescovile di Trapani, di procedere alla messa in sicurezza del fabbricato. La congrega non ha effettuato alcun tipo di intervento nella struttura e l’ufficio tecnico, di recente, ha accertato che il tetto dell’edificio si era ulteriormente  incurvato ed era prossimo al crollo. Con delibera di giunta di fine febbraio, l’amministrazione ha dato mandato al dirigente dei Lavori Pubblici, di predisporre la perizia per la messa in sicurezza dell’edificio, da realizzare con fondi comunali, stimati in circa trentacinquemila euro. La cifra sarà addebitata alla Congrega dei Sacerdoti e, nel caso di irreperibilità dei componenti, alla Curia Vescovile di Trapani. Dopo il completamento dei lavori nell’edificio, cioè, saranno attivate le procedure legali per il recupero coatto delle spese sostenute. I lavori sono già stati quasi ultimati e domani l’edificio sarà riaperto al pubblico.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl Rotary donerà a Castellammare la fontana dell’Amicizia
Articolo successivoAlcamo: aumentano i casi di violenza