L’arcivescovo Plotti lava i piedi ai detenuti

518

TRAPANI. Durante la celebrazione tenutasi nella cattedrale San Lorenzo l’arcivescovo Alessandro Plotti ha lavato i piedi a 12 detenuti di san Giuliano, la casa circondariale di Trapani.

Un gesto altamente simbolico e di grande valore per una chiesa che vuole essere vicina a tutti e far si che la dignità di nessuno venga calpestata. Troppo spesso, come ha sottolineato l’arcivescovo, le condizioni carcerarie sono inaccettabili e lesive della dignità umana.

” Così il carcere diventa luogo dell’emarginazione e anche della disperazione. La pasqua ci invita – ha concluso Plotti- a rompere l’emarginazione, tutte le forme d’emarginazione. Dobbiamo rompere l’emarginazione e combattere per la fraternità e non dobbiamo aspettare che lo facciano gli altri. Ciascuno di noi può e deve fare la sua parte per diffondere questo spirito’.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteOggi la processione dei Misteri a Trapani
Articolo successivoSimula rapina a Trapani, denunciato
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.