Bonventre: “trasparenza e imparzialità, se non basta sono disposto a dimettermi”

1028

ALCAMO – “Che non mi si accusi di trasversalismo per il fatto che ho cercato di rendere noto agli ultimi due presidenti del consiglio la questione del tribunale di Alcamo”. Questo ha detto ieri a conclusione del Consiglio Comunale il Sindaco di Alcamo, Sebastiano Bonventre in merito alle polemiche che gli sono state volte sul fatto che è andato agli incontri del PDL con Silvio Berlusconi e a quello di Mario Monti.

“Questa giunta potrebbe avere tantissimi limiti e magari può sbagliare nei tempi e nei modi; non ci si può rivolgere alla società civile e pretendere che questi non sbaglino” ha continuato.

“Io non ho nessun bisogno di svolgere questo ruolo. Io potrei essere un pessimo Sindaco però tento di metterci il massimo impegno, garantendo trasparenza e imparzialità, comunque se ne riparlerà nelle opportune sedi, sempre se ci sarà un seguito”, lasciando così intendere la possibilità delle dimissioni.

A seguito di queste affermazioni il presidente del Consiglio Scibilia ha concluso la seduta, non dando la possibilità di replica ai Consiglieri che si sono opposti alla chiusura. Sono pertanto continuate delle accese discussioni tra i Consiglieri sia dentro l’aula consiliare che in piazza.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteDopo l’operazione scattata al Comune, adesso gli indagati
Articolo successivoIl PD chiude la campagna elettorale
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.