Alcamo unita contro il racket

1575

ALCAMO – “Alcamo unita contro il racket”, è la frase che sarà scritta sullo striscione, che alcune associazioni alcamesi porteranno in corteo da porta Trapani sino in piazza Ciullo.

Dopo i recenti episodi che hanno coinvolto alcuni imprenditori locali, la cittadinanza ha deciso di non stare a guardare e di manifestare la sua ferma convinzione nella lotta alle estorsioni. La manifestazione avrà luogo domenica 27, un corteo percorrerà un tratto del corso VI aprile fino alla Piazza.

“A seguito dei recenti atti intimidatori verificatisi ad Alcamo a danno di alcuni imprenditori, associazioni e cittadini alcamesi si sono spontaneamente riuniti per organizzare una manifestazione.
La finalità dell’iniziativa è quella di non spegnere i riflettori sul racket delle estorsioni, un fenomeno molto più diffuso e più ampio rispetto ai recenti casi di cronaca. Le associazioni e i cittadini vogliono così mostrare la propria vicinanza e solidarietà a quanti subiscono queste pressioni di stampo mafioso, nella speranza che sempre più vittime abbiano il coraggio di denunciarle. Questa manifestazione vuole essere anche l’occasione per stimolare, ad Alcamo, un processo di sensibilizzazione ai valori della legalità. Con la nostra mobilitazione vogliamo creare una sinergia tra cittadinanza, Forze dell’Ordine e Istituzioni per mostrare una forte volontà di contrasto del fenomeno mafioso.
La manifestazione “Alcamo unita contro il racket” si svolgerà domenica 27 gennaio e consisterà in un corteo con partenza alle ore 18.30 da Corso VI Aprile (lato Porta Trapani) e arrivo in Piazza Ciullo.
Il coordinamento di cittadini e delle Associazioni alcamesi:
Presidio di Libera ad Alcamo, Antiracket e Antiusura, MODi, Vivi Alcamo, Ide@zione, Nuove Impressioni, ExAequo, E.li.ca., Circolo Segni Nuovi, Noi giovani in movimento, Gruppo Attivati, Legambiente.”

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteErrante incontra il Ministro Cancellieri
Articolo successivoVigili Urbani oberati di lavoro dopo la scelta della Adamo di revocare il servizio dei parcheggi alla Soes