Si allungano i tempi per il processo a carico di D’Alì

592

Slitta al 30 gennaio la decisione del giudice per le udienze preliminari di Palermo, Giovanni Francolini, di sentire il collaboratore di giustizia Giovanni Ingrasciotta, richiesta avanzata nella scorsa udienza dal pubblico ministero Andrea Tarondo all’interno del processo a carico del senatore Antonio D’Alì, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Nel caso in cui tale richiesta venisse accolta l’audizione si terrebbe nella successiva udienza già prevista per il 13 febbraio.

Nel frattempo sono state ammesse alla richiesta di costituzione come parte civile una serie di associazioni antiracket trapanesi – l’associazione antiracket marsalese, quella alcamese e quella di Castellammare del Golfo – il Comune di Castellammare del Golfo, l’associazione “Io non pago il pizzo e tu?”, il centro Pio La Torre e Libera.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteSucameli sollecita la Provincia per mettere in sicurezza la passerella di Alcamo Marina
Articolo successivoLa Uil Flp protesta per la mancata apertura dell’area emergenza-urgenza
Eva Calvaruso
Eva Calvaruso, classe 1984, vive ad Alcamo, spirito da ventenne e laurea in Economia. Animo hippie e fan sfegatata di Guccini. Curiosità, passione e una continua ricerca della verità l’hanno spinta a diventare una giornalista.