Arrestato Mercadante: gestiva anche i siti archeologici di Segesta e Selinunte

659

“Novamusa” si occupava di gestire il parco antico di Taormina e le aree archeologiche di Segesta e Selinunte, alcuni dei siti più conosciuti e visitati della Sicilia. In teoria avrebbe dovuto gestirli per conto della Regione Sicilia versando gli introiti per la concessione del servizio, ma ciò non avveniva da tempo e si era anche aperto un contenzioso tra Assessorato Regionale Beni Culturali e Novamusa. Le indagini hanno portato nei giorni scorsi all’arresto del legale rappresentante Gaetano Mercadante, che resterà ai domiciliari nella sua abitazione di Bracciano (Roma).

L’uomo è accusato di peculato, anche se in passato ha sostenuto di aver versato alcune somme (14 milioni) e aver utilizzato le restanti (19 milioni) per le infrastrutture necessarie per la gestione di servizi aggiuntivi.

La magistratura indaga proprio sui 19 milioni che sarebbero un’appropriazione indebita di Mercadante a danno della Regione. I rapporti tra regione e Novamusa si sono interrotti nel 2009.

CONDIVIDI
Commenti Facebook
Articolo precedenteIl Diario di Elena – Talete e l’arché
Articolo successivoMolto fermento in consiglio, ma per cosa?
Simona De Simone
Simona De Simone, psicologa e psicoterapeuta. Divoratrice instancabile di libri e del buon cibo. Appassionata di scrittura e mamma di Alqamah sin dal principio.